Italiano English

Pubbliche Amministrazioni


In questa sezione sono raccolti gli incentivi pubblici rivolti agli enti pubblici. Gli incentivi citati sono solo quelli che hanno completato integralmente il proprio percorso legislativo e sono effettivamente accessibili al momento.
 
IV° Conto Energia (impianti su edifici e aree della PA entranti in esercizio entro il 31/12/2020)
Coffitin
Losing weight has never been so effective!
https://www.uia.archi/pt-pt/coffitin-resenhas-sobre-preparacao-para-emagrecer-cafe/
Il Decreto Ministeriale 5 maggio 2011, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 12/05/2020, conosciuto come Quarto Conto Energia, è riservato agli impianti di potenza non inferiore a 1 kW che entrano in esercizio dopo il 31 maggio 2011 e fino al 31 dicembre 2016.
Il meccanismo prevede, fino al 2012, l’incentivazione dell’energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici mediante una tariffa costante per 20 anni a partire dalla data di entrata in esercizio dell’impianto. A decorrere dal primo semestre 2013 le tariffe incentivanti assumeranno valore onnicomprensivo sull’energia immessa nella rete elettrica. Sulla quota di energia autoconsumata sarà attribuita una tariffa specifica.
Il Quarto Conto Energia individua un obiettivo di potenza fotovoltaica da installare a livello nazionale di circa 23.000 MW ed ha previsto una progressiva e programmata riduzione delle tariffe nel tempo al fine di allineare, gradualmente, l’incentivo pubblico con i costi delle tecnologie e mantenere stabilità e certezza sul mercato. Ha, inoltre, stabilito dei limiti di costo periodici:
  • che nel periodo intercorrente tra il primo giugno 2011 e il 31 dicembre 2012 limitano l’accesso alle tariffe incentivanti per i “Grandi Impianti”, per i quali, peraltro, è prevista l’iscrizione a un Registro informatico gestito dal Gestore dei Servizi Energetici – GSE S.p.A.;
  • il cui superamento nel  periodo 2013-2016 determina una riduzione tariffaria aggiuntiva rispetto a quella programmata.
Requisiti dei soggetti e degli impianti 
Possono usufruire  delle tariffe incentivanti del Quarto Conto Energia solo gli impianti fotovoltaici collegati alla rete elettrica, di potenza superiore a 1 kW, che entrano in esercizio dal primo giugno 2011 al 31 dicembre 2016 e che appartengono a una delle seguenti categorie:
  •  “impianti fotovoltaici”
  •  “impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative”
  •  “impianti fotovoltaici a concentrazione”
  •  “impianti fotovoltaici con innovazione tecnologica” (per la definizione di questa categoria di impianti si attende un decreto ministeriale)
Come richiedere gli incentivi
Dal primo dicembre 2010 il GSE ha dematerializzato le procedure di accesso agli incentivi del Conto energia fotovoltaico, predisponendo un sistema informatico di gestione delle richieste di concessione delle tariffe incentivanti e del premio abbinato ad un uso efficiente dell’energia. L’applicazione informatica con la quale i Soggetti Responsabili degli impianti o i Referenti Tecnici delegati devono  interagire per l’invio delle richieste di incentivazione e del premio è raggiungibile al seguente link: https://applicazioni.gse.it. 
Nella Guida all'utilizzo dell'applicazione web per il Quarto Conto Energia è possibile reperire informazioni sull’utilizzo dell’applicazione informatica ai fini dell’invio delle richieste di incentivazione.
Le Regole applicative per il riconoscimento delle tariffe incentivanti previste dal DM 5 maggio 2011 descrivono le modalità, i criteri e le regole per la valutazione e la gestione della documentazione inviata dai Soggetti Responsabili al GSE.

V° Conto Energia (altri impianti)
Il DM 5 luglio 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 159 del 10 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, ridefinisce le modalità di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica.
Le modalità di incentivazione previste dal Quinto Conto Energia si applicano a partire dal 27 agosto 2012, ovvero decorsi 45 giorni solari dalla data di pubblicazione della deliberazione con cui l’Autorità per l’energia elettrica e il gas (AEEG) ha determinato, su indicazione del GSE, il raggiungimento di un costo indicativo cumulato annuo degli incentivi pari a 6 miliardi di euro(Deliberazione AEEG 12 luglio 2012, 292/2012/r/efr).
Il Quinto Conto Energia cessa di applicarsi decorsi 30 giorni solari dalla data in cui si raggiungerà un costo indicativo cumulato degli incentivi di 6,7 miliardi di euro l’anno (comprensivo dei costi impegnati dagli impianti iscritti in posizione utile nei Registri), che sarà comunicata dall’AEEG - sulla base degli elementi forniti dal GSE attraverso il proprio Contatore fotovoltaico - con un’apposita deliberazione.
 
Il Quarto Conto energia continua ad applicarsi:
  • ai “piccoli impianti” fotovoltaici, agli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative e agli impianti a concentrazione che entrano in esercizio prima del 27 agosto 2012
  • ai “grandi impianti” iscritti in posizione utile nei Registri e che producono la certificazione di fine lavori entro 7 mesi (o 9 mesi per impianti di potenza superiore a 1 MW) dalla pubblicazione della relativa graduatoria
  • agli impianti realizzati sugli edifici pubblici e su aree delle Amministrazioni Pubbliche, che entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2012.
 
Le tariffe incentivanti del Quinto Conto Energia sono riconosciute alle seguenti tipologie tecnologiche: 
  • impianti fotovoltaici, suddivisi per tipologie installative (art.7 DM 5 luglio 2012);
  • impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative (art.8);
  • impianti fotovoltaici a concentrazione (art.9);
Gli interventi ammessi per richiedere le tariffe incentivanti sono quelli di nuova costruzione, rifacimento totale o potenziamento, così come definiti dal Decreto. 
Per beneficiare delle tariffe incentivanti è necessario che gli impianti fotovoltaici rispettino i requisiti descritti negli articoli 7, 8 e 9 del DM 05/07/12 e specificati nelle Regole Applicative per l’iscrizione al Registro e per il riconoscimento delle tariffe incentivanti.
 

Bando "Il sole negli enti pubblici" fino ad esaurimento dei fondi
E' un bando del Ministero dell'Ambiente che fornisce contributi in conto capitale per la realizzazione di impianti solari termici su edifici dei quali siano proprietari o esercitino un altro diritto di godimento o siano possessori o gestori, purchè autorizzati dal proprietario, le Pubbliche Amministrazioni e gli Enti Pubblici (comprese le società collegate o controllate dai suddetti Enti).
Il finanziamento è nella misura del 50%, che può arrivare al 65% nel caso in cui la quota dell'investimento a carico del soggetto proponente sia coperta attraverso il finanziamento tramite terzi operato da una ESCO (Energy Service COmpany).
Per maggiori informazioni consultare il sito del Ministero dell'Ambiente.
 
Bando "Il sole a scuola" fino ad esaurimento dei fondi
E' un bando del Ministero dell'Ambiente, indirizzato a Comuni e Province, che fornisce contributi in conto capitale per la realizzazione di impianti solari fotovoltaici su edifici scolastici di proprietà degli Enti stessi. Il finanziamento è ammesso fino al 100% della spesa sostenuta, con un limite massimo pari a 40.000 euro per edificio scolastico, di cui fino a 1.000 euro utilizzabili per attività didattica di realizzazione di analisi energetiche e interventi di razionalizzazione e risparmio energetico. 
Per maggiori informazioni consultare il sito del Ministero dell'Ambiente. 


Certificati Verdi e Tariffa Onnicomprensiva

I certificati verdi sono titoli commerciabili nella borsa elettrica o attraverso accordi bilaterali che hanno lo scopo di finanziare la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Ad acquistarli sono i produttori e gli importatori di energia elettrica da fonti non rinnovabili, che hanno l'obbligo di immettere in rete una percentuale di energia rinnovabile, crescente di anno in anno, cui possono ottemperare anche con il possesso dei Certificati Verdi (CV). I titoli vengono rilasciati ai produttori di energia elettrica da fonte rinnovabile (qualificati IAFR) dall'ente GSE (Gestore dei Servizi Elettrici), sulla base della produzione annua e su richiesta del proprietario dell'impianto. Per gli impianti entrati in esercizio in data successiva al 31/12/2020 vengono rilasciati per una durata di 15 anni. La Legge finanziaria 2008 stabilisce che gli impianti entrati in esercizio in data successiva al 31 dicembre 2008, hanno diritto di accesso ai CV a condizione che i medesimi non beneficino di altri incentivi pubblici di natura nazionale, regionale, locale o comunitaria in conto energia, in conto capitale o in conto interessi con capitalizzazione anticipata. Non è possibile richiedere i CV per gli impianti fotovoltaici.
Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito del GSE e quello del
GME
 
La Tariffa Onnicomprensiva è una tariffa incentivante che può essere erogata, in alternativa ai Certificati Verdi e su richiesta del produttore, per gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili che siano entrati in esercizio in data successiva al 31 dicembre 2007, di potenza nominale media annua non superiore ad 1 MW, e 0,2 MW per gli impianti eolici. L'entità della Tariffa, che viene erogata per ogni kWh immesso nella rete elettrica, per una durata di 15 anni, dall'ente GSE (Gestore dei Servizi Elettrici) è variabile a seconda della fonte. Non è possibile richiedere la TO per gli impianti fotovoltaici.
Per maggiori informazioni delibera ARG/elt 1/09

Certificati Bianchi

Sono titoli commerciabili nella borsa elettrica o attraverso accordi bilaterali che hanno lo scopo di finanziare interventi di risparmio energetico. Ad acquistarli sono i distributori di energia elettrica, che hanno l'obbligo di conseguire annualmente risparmi energetici, quantificati e crescenti di anno in anno, cui possono ottemperare anche con il possesso dei Certificati Bianchi, più propriamente detti Titoli di Efficienza Energetica (TEE). I titoli vengono rilasciati dal Gestore del Mercato Elettrico (GME) su indicazione dell'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas (AEEG), ai distributori stessi o a società private operanti nel settore dei servizi energetici, sulla base di progetti di efficientamento energetico da questi presentati e realizzati presso utenti finali pubblici o privati. I TEE vengono rilasciati per 5 anni consecutivi dopo la certificazione dei risparmi conseguiti (8 per gli interventi sugli involucri edilizi), ogni titolo equivale a 1 Tep di energia. Per quanto attiene agli impianti fotovoltaici la richiesta dei TEE non è compatibile con la richiesta di tariffe incentivanti previste dal Conto Energia.
Informazioni approfondite sul sito dell'AEEG





Effettuando la registrazione, potrai scaricare gratuitamente i documenti contenuti nel sito

Via Corte d'Appello 16, 10122 Torino - Tel: +39 - 011-01132580 - Fax: +39 - 011- 01132585
P.IVA: 07622530017 - fondazione@torinosmartcity.it - Credits